world tutu day

World Tutu Day

È il sogno di ogni piccola ballerina: danzare con un meraviglioso Tutù. Una tradizione, quasi un codice estetico del balletto classico a cui è dedicato il Word Tutu Day che dal 2 febbraio 2014 non ricorda solo una tradizione costumistica, ma soprattutto un’educazione al balletto con la sua cultura e le sue regole.

Il 2 febbraio si celebra il World Tutu Day, in cui corpetti e tulle diventano i protagonisti per gli amanti della danza. L’Australian Ballet School li trasforma in un’occasione di raccolta fondi a favore dei talenti più meritevoli.

Il Tutù è stato il capo di abbigliamento utilizzato fin dall’Ottocento dalle ballerine classiche. L’iniziativa della Giornata Mondiale nasce da un’idea di Marcus Berret, responsabile marketing e comunicazione della Australian Ballet School, e di Marilyn Rowe Direttrice della scuola. L’obiettivo è quello di utilizzare il giorno 2 febbraio come un evento annuale di raccolta fondi a favore dei nuovi talenti che non hanno buone condizioni economiche per raggiungere i propri sogni. Dal 2014 attraverso questa iniziativa l’Australian Ballet School finanzia gli studi per gli allievi più meritevoli sostenendo l’arte non soltanto nel proprio contesto, ma allargando l’iniziativa al mondo attraverso l’aiuto dei social e della digitalizzazione. Il 2 febbraio è diventato così un giorno dedicato all’abbigliamento coreutico più conosciuto di sempre, ma soprattutto un’opportunità per sostenere l’educazione al balletto a livello internazionale.

Tutù teatro
Nicoletta Manni in La Bella Addormentata, Teatro alla Scala © Brescia e Amisano

La storia del Tutù

Il termine Tutù deriva dal francese ed è utilizzato dai bambini come vezzeggiativo per indicare il sederino, lì dove appunto l’indumento delle ballerine si amplia per dare volume al movimento e accompagnare le gambe leggiadre.

In occasione del World Tutu Day ricordiamo che già nel Settecento due danzatrici avevano rivoluzionato l’abbigliamento nel mondo del balletto: Marie Camargo e Marie Sallé, stanche di danzare indossando maschere, parrucche, scarpe con il tacco e vestiti che limitavano moltissimo la libertà di movimento, decisero di alleggerire i loro vestiti di scena accorciando la gonna e togliendo le scarpe con il tacco.

Nell’Ottocento questa evoluzione dei costumi si fece sempre più evidente. La prima ad indossare un tutù fu Maria Taglioni nel 1832 ne La Sylphide, il balletto romantico per eccellenza, ricordato anche perché fu la prima esibizione di una danzatrice sulle punte. Il costume fu disegnato da Eugène Lamy e tale modello bianco e vaporoso divenne un punto di riferimento per il balletto romantico. Infatti, da qui deriva il termine ballet blanc (balletto bianco) utilizzato per le opere danzate in questo periodo. Inoltre, il successo del Tutù è confermato dall’utilizzo di tale modello da Carlotta Grisi nel balletto Giselle del 1841.

Carlotta Grisi in Giselle
Carlotta Grisi in Giselle

World Tutù Day: classico o romantico?

I Tutù sono generalmente costituiti da un corpetto e una gonna in tulle. Nell’ambito del balletto classico c’è una distinzione tra:

  • Tutù romantico: costituito da un corpetto aderente con una gonna morbida e vaporosa di colore chiaro o neutro lunga fino alle ginocchia o alle caviglie, di solito utilizzato in balletti di carattere etereo e sognante.
  • Tutù classico: costituito da un corpetto aderente e da una gonna il cui tulle non va mai oltre le ginocchia. Vi è anche la versione con gonnellino corto e rigido, chiamato piatto, che forma un disco intorno alle anche della danzatrice lasciando così interamente scoperte le gambe. Può essere bianco o colorato con tinte brillanti e arricchito di decori preziosi.

 

Al di là della scelta, dei colori e delle storie rappresentate, il Tutù rappresenta ancora oggi un importante simbolo del mondo del balletto a cui il World Tutu Day continua a dare valore. D’altronde quale bambina non si è emozionata al suo primo costume di scena o alle prime punte indossate? La forza della tradizione fa di un tulle ben fatto il riflesso di un’emozione romantica che è possibile indossare ancora con innocente meraviglia.

E tu, quale tutù preferisci? Scrivicelo nei commenti!

tutù Raymonda
J'aime Crandall in Raymonda, Det Kongelige Teater, stagione 2017-2018 © Henrik Stenberg

In copertina: The Sleeping Beauty, The Australian Ballet © Jeff-Busby

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche

Post correlati

world tutu day

World Tutu Day

È il sogno di ogni piccola ballerina: danzare con un meraviglioso Tutù. Una tradizione, quasi un codice estetico del balletto classico a cui è dedicato il Word Tutu Day che dal 2 febbraio 2014 non ricorda solo una tradizione costumistica, ma soprattutto un’educazione al balletto con la sua cultura e le sue regole.

Manifesto Toulouse-Lautrec

Henri de Toulouse-Lautrec e la Belle Époque

Un mondo irriverente, frizzante e sfacciato è quello delle folli notti parigine nella Belle Époque. Andiamo alla scoperta delle vie di Montmartre attraverso lo sguardo di Henri de Toulouse-Lautrec.

Napoli, KGL Teater, Gamle Scene, 2018-19 © Henrik Stenberg

En travesti, i travestimenti sulla scena

Il travestimento sul palcoscenico ha una lunga ed affascinante storia, che affonda le sue radici nel teatro greco. I ruoli en travesti nascevano infatti per porre rimedio all’assenza delle donne in scena.

Ballerini de Les Ballets Trockadero

I Trockadero, ribelli sulle punte

Les Ballets Trockadero de Monte Carlo è una compagnia americana, composta da uomini che danzano indossando tutù e scarpette da punta. Dietro l’apparente irriverenza del travestitismo, c’è in realtà una grande conoscenza del repertorio e una devozione verso il balletto classico.

ragazza che fa yoga

Yoga, una tradizione millenaria

Lo yoga è una disciplina indiana molto antica, fondata sull’esercizio fisico, sulla meditazione e sulla respirazione. Esistono diverse tipologie di yoga e ciascuna di esse si focalizza su un diverso aspetto di conoscenza di se stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.