Silfidi

Silfidi, 7 curiosità sulle loro origini leggendarie

Non esiste amante della danza che non conosca il balletto romantico per eccellenza: La Silfide. Ma quando e dove nasce il mito delle Silfidi?

Secondo la leggenda le Silfidi sono creature estremamente timide, anche se non disdegnano il contatto con gli umani. Spesso sono ingannevoli, ma nella maggior parte dei casi sono dolci e comprensive. 

Le Silfidi, qualora ritengano che l’aiuto a loro richiesto sia giusto, sono capaci di andare contro ad ogni avversità pur di aiutare il loro protetto.

dipinto Silfidi
Konstantin Makovsky, Happy Arcadia (1889-90), Collezione Privata

1 - Le Silfidi sono state formalizzate da Paracelso

Fu il famoso medico e alchimista Paracelso a formalizzare la figura delle Silfidi. Paracelso si rifà alle tradizioni popolari della mitologia nordica, ricca di spiritelli e geni. Quindi dà il nome di Sylphis agli esseri invisibili dell’aria, che popolano i venti e i boschi. 

Secondo Paracelso, le Silfidi fanno parte insieme alle salamandre, agli gnomi e alle ondine degli esseri alchemici legati ai tradizionali quattro elementi. Nel primo capitolo del De Nymphis, Sylphis, Pygmaeis et Salamandris et coeteris spiritibus Paracelso afferma che queste creature, pur essendo molto simili all’uomo per caratteristiche fisiche e intelligenza, sarebbero prive dell’anima, che distingue l’uomo dagli animali. 

Nella visione paracelsiana vi sono due nature: una è quella umana, spessa, palpabile, sensibile e mortale. L’altra quella spirituale, impercettibile e eterna. Tra queste due vi è la natura intermedia, del quale fanno parte le Silfidi.

Silfidi
Sophie Anderson Take the fair face of Woman, Art Renewal Center

2 - Le Silfidi hanno ali da farfalle

Una teoria alternativa è che il termine Silfidi derivi dal greco antico σίλφη (silphē) che vuol dire farfalla. Per questo, le Silfidi hanno ali come quelle delle farfalle. 

Secondo le leggende, quando le Silfidi prendono forma umana, appaiono come creature snelle e slanciate, con lineamenti sfuggenti e con ali immense sulla schiena. Ma sono anche in grado di prendere le sembianze delle farfalle. 

Gli antichi celti consideravano le farfalle simboli delle fate o degli spiriti ancestrali e guide verso il mondo dei defunti.

la Silfide
Litografia raffigurante Maria Taglioni nei panni di Flora (1831) Victoria and Albert Museum

3 - Le Silfidi esistono anche al maschile

Forse non tutti sanno che esiste anche un equivalente maschile delle Silfidi, il Silfo. Questo però, a differenza delle Silfidi, nella mitologia germanica è ritenuto un portatore di infermità agli uomini e agli animali. 

4 - Ha scritto di loro anche William Shakespeare

Una Silfide è protagonista dell’opera teatrale shakespiriana La tempesta scritta tra il 1610 e il 1611. Il nome di questa Silfide è Ariel: uno spirito dai poteri magici, che può governare il vento e rendersi invisibile. 

La Silfide è però costretta ad eseguire gli ordini della strega Sicorace. E quando si rifiuta, la strega la imprigiona nel tronco di un albero. Quindi Prospero, Duca di Milano ingiustamente esautorato del suo ruolo dal fratello, sentendo le urla dello spirito decide di liberarlo dal tronco Ma lo rende suo schiavo: Ariel è così costretta ad eseguire gli ordini di Prospero. Egli vuole riconquistare il suo ducato, così quando scopre che il fratello sta passando con una nave vicino alla sua isola, manda Ariel a scatenare una tempesta per farlo naufragare. Dopo il naufragio Prospero riesce a riconquistare il suo ducato e prima di lasciare l’isola chiede un ultimo favore ad Ariel, quello di assicurare mare calmo e vento propizio alla nave che l’indomani lascerà l’isola, dopodiché lo spirito sarà liberato dalla sua prigionia.

Dipinto le Silfidi
Giuliano Bartolomeo, The Fairies © Artgate Fondazione Cariplo

5 - Una donna è stata processata per aver avuto rapporti con il Re delle Silfidi

Nel 1656 a Sävsjö, piccola città della Svezia, una donna venne processata perché accusata di aver avuto rapporti con il Re delle Silfidi. 

La donna sotto accusa, Karin Svendotter, affermava di aver incontrato il Re delle Silfidi, Älvkungen, in un luogo che lei aveva chiamato Grönekulla. Qui aveva danzato e cantato con il Re e con delle Silfidi. 

Secondo il racconto della donna, era rimasta incinta del Re per ben sette volte.

Successivamente il Re si era presentato con un abito d’oro ed aveva portato via i bambini durante un attacco che, come confermato anche da alcuni testimoni, aveva lasciato Karin priva di forze. 

Secondo il tribunale, Satana l’aveva fatta uscire di senno e il processo si concluse con la richiesta del tribunale di pregare per lei. 

Caroline Baldwin e Jonathan Chmelensky in Sylfiden, Royal Danish Ballet, 2020-21 © Per Morten Abrahamsen

6 - Silfidi come spiriti di donne malvagie?

Se la maggior parte delle opere e delle leggende vede le Silfidi come spiriti minori e inclini ad aiutare l’uomo, Alexander Pope le ha raccontate in maniera differente. 

Nel suo romanzo Il ricciolo rapito le Silfidi sono condense chimiche degli stati d’animo di donne spiacevoli. 

Infatti, le donne piene di rancore e di vanità diventano Silfidi quando muoiono, perché i loro spiriti sono troppo pieni di vapori scuri, per poter salire in cielo. 

Belinda, l’eroina dell’opera, assistita da un piccolo esercito di Silfidi, è incoraggiata da loro nella sua vanità.

7 - Il Balletto è ispirato al racconto fantastico Trilby ou Le Lutin d’Argail

Per scrivere il libretto de La Sylphide, Filippo Taglioni e il tenore dell’Opéra di Parigi Adolphe Nourrit, si ispirarono al racconto fantastico Trilby o il Folletto di Argail, dello scrittore francese Charles-Emmanuel Nodier. 

Il quale pubblicò il suo racconto nel 1822 dopo aver fatto un viaggio in Scozia. Nodier affermò di aver preso il soggetto da una prefazione dei romanzi di demonologia dello scrittore scozzese Walter Scott, aggiungendo però che tale soggetto faceva parte delle tradizioni di tutti i popoli.

Due ballerini
Ulrik Birkkjaer (James) e Susanne Grinder (la Silfide) 2010 del Royal Danish Ballet-Foto Henrik Stenberg

In  Trilby ou Le Lutin d’Argail la trama romantica è incentrata sull’impossibile amore tra un essere umano e una creatura soprannaturale. Ma basta dare un’occhiata alla storia del balletto o a quella del racconto per capire quanto sono diversi. Nel racconto la storia d’amore si svolge tra il furbo folletto Trilby e una fanciulla di nome Jenny, moglie di un pescatore. Nel balletto i ruoli sono invertiti: il giovane James si innamora dello spirito dell’aria, la Silfide, che quindi è una donna.

La Silfide venne rappresentato per la prima volta all’Opéra di Parigi il 12 marzo 1832. Il ruolo principale venne affidato a Maria Taglioni, che per la prima volta indossò le scarpette da punta. 

Altra importante versione del balletto è quella danese, Sylfiden. Rappresentata per la prima volta al Teatro Reale Danese di Copenaghen il 28 novembre 1836, vedeva come interpreti principali August Bournonville e Lucile Grahn.

In Italia La Silfide venne rappresentata per la prima volta Teatro la Fenice di Venezia nella stagione 1837-38 in una versione di Antonio Cortesi interpretata dalla ballerina Amalia Brugnoli Samengo. 

In copertina: Sylfiden, Royal Danish Ballet, 2020-21 © Per Morten Abrahamsen 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Post correlati

ragazza che fa yoga

Yoga, una tradizione millenaria

Lo yoga è una disciplina indiana molto antica, fondata sull’esercizio fisico, sulla meditazione e sulla respirazione. Esistono diverse tipologie di yoga e ciascuna di esse si focalizza su un diverso aspetto di conoscenza di se stessi.

Breakdance

La breakdance e lo stile urban dell’hip hop

La breakdance ha avuto il suo esordio nelle realtà violente delle gang urbane.
Oggi è riconosciuta come una disciplina costruttiva per la cultura giovanile ed è stata inserita nel programma olimpico a partire da Parigi 2024.

Scena Film Voguing e Ball

Il Voguing: passerella della moda e della danza

Il Voguing si sviluppa nella comunità LGBTQ+ tra ball di gay, transessuali e drag queen di Harlem, che esasperano i movimenti femminili con orgoglio. Divenne un segno di riconoscimento di una sottocultura.

Biodanza all'aria aperta

La Biodanza, la danza della vita

La Biodanza nasce nel 1960 a seguito degli studi di Rolando Toro. Il suo scopo è la crescita emotiva e spirituale attraverso la musica e il movimento, promuovendo la sintonia tra l’agire e il sentire.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *