Copertina Libro Quello che ci muove

Quello che ci muove. Una storia di Pina Bausch

Con semplicità e allo stesso tempo profondo lirismo, l’autrice Beatrice Masini dedica parole che sono poesia all’immensa figura di Pina Bausch. In 80 pagine, tra cartoncini colorati e disegni, l’autrice ci racconta tutta la poesia del Tanztheater.

Quello che ci muove. Una storia di Pina Bausch è un piccolo libro che ripercorre le tappe della vita di una grande artista del Novecento. La quale ha rivoluzionato la danza con la sua idea di teatro. 

Non a caso, nel 2007, venne conferito a Pina il Leone d’Oro alla Carriera, con questa motivazione: “Pina Bausch è un’artista che ha segnato una nuova via originale all’espressione scenica del corpo danzante e parlante, influenzando non soltanto la danza contemporanea, ma anche le arti ad essa contigue, mutandone gli orizzonti. La Bausch è una coreografa che ha innovato il teatro, rendendolo più che mai fisico e musicandone la drammaturgia.”

Foto Pina Bausch
Pina Bausch

Una storia di Pina Bausch: casa editrice, scrittrice e illustratrice

Edito dalla casa editrice palermitana rueBallu “Quello che ci muove. Una storia di Pina Bausch” rientra nella sezione Jeunesse ottopiù. Alla quale, nel 2016, è stato assegnato il Premio Anderson come Miglior Progetto Editoriale dell’anno.

A scrivere questo libro così poetico è Beatrice Masini. Mentre ad illustrarlo c’è Pia Valentinis. 

Beatrice Masini è una scrittrice di romanzi, giornalista e traduttrice milanese. Nota per aver tradotto i libri della saga di Harry Potter di J.K. Rowling, dal terzo al settimo. E per essere stata, per molti anni, l’editor responsabile dei romanzi per ragazzi della casa editrice Rizzoli. Le sue opere sono state tradotte in più lingue ed hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. Dopo il Premio Castello di Sanguinetto, il Premio Pippi, il Premio Elsa Morante, il Premio Andersen e il Premio Strega, nel 2013 è stata tra i cinque finalisti del Premio Campiello.

Pia Valentinis ha illustrato libri per bambini con case editrici nazionali e internazionali. Ha esposto i suoi lavori in numerose mostre. Insegna e conduce laboratori di arte visiva per bambini. Ha vinto la XXI edizione del Premio Andersen di Genova nella categoria Miglior Illustratore; con “Raccontare gli alberi”, illustrato assieme a Mauro Evangelista per Rizzoli, ha ottenuto nel 2012 il premio per il Miglior Libro di Divulgazione. Nel 2014 è uscita la sua prima graphic-novel, premiata come Miglior Libro a Fumetti al Premio Andersen del 2015.

grafica libro
Illustrazione capitolo 2 - La bambina nel giardino di Pia Valentinis

Le origini di Pina Bausch

Philippine Bausch, detta Pina, nasce in una piccola cittadina tedesca, Solingen, nel 1940. I suoi genitori hanno un ristorante dove lei e i suoi fratelli passano molto tempo. E sul retro Pina organizza i suoi primi piccoli spettacoli insieme ai suoi amici. A cinque anni, inizia a frequentare la scuola di danza e la sua insegnante, notando da subito alcune doti fisiche, la incita a proseguire.

Quindi a 14 anni Pina va ad Essen per studiare danza con Kurt Jooss alla Folkwang Hochschule. Lì capisce come solo con il rigore dello studio, il corpo sarà poi capace di liberarsi rimanendo impeccabile nei gesti. Ma dopo la tecnica una caratteristica deve emergere: il corpo deve avere qualcosa da dire. Perché la danza è una lingua, i cui segni sono i gesti. 

Qui nella scuola di Essen Pina frequenta le lezioni con un ragazzo olandese, Rolf Borzik. I due condivideranno vita e lavoro fino al 1980, anno in cui Rolf morirà di leucemia a 36 anni. Fino quel momento, Rolf disegnerà per gli spettacoli di Pina le scene e i costumi. Portando sul palcoscenico la natura, composta da foglie, fiori, terra, acqua.  

Dopo la morte di Rolf, saranno Peter Pabst per l’allestimento scenico e Marion Cito per i costumi a subentrare nelle ideazioni coreografiche di Pina. Ma gli spazi rimarranno sempre quelli poetici tra esterno ed interno, dove il palcoscenico diventa un paesaggio.

immagine libro
Illustrazione capitolo 3 - Via da casa di Pia Valentinis

La vita neyorkese di Pina Bausch

Nel 1958, a 18 anni, viene assegnato a Pina Bausch il Folkwang Performance Prize. E con una borsa di studio del German Academic Exchange Service, approda a New York come studentessa speciale alla Juilliard School of Music per un anno. La città ha un ruolo principale nella diffusione della danza. Pina vede per la prima volta George Balanchine, Martha Graham, José Limón e Merce Cunningham, studiandone le differenze di pensiero e di movimento. 

Sempre nella grande metropoli, rimarrà un altro anno grazie ad un’offerta di lavoro ricevuta dal coreografo inglese Antony Tudor per il Metropolitan Opera.  

Libro Pina Bausch
Illustrazione capitolo 7 - Frammenti di Pia Valentini

Dopo poco tempo, Kurt Jooss la richiama in Germania per lavorare al Folkwang Tanzstudio. Quello che, negli anni Trenta era considerato il centro della danza tedesca. Pina Bausch balla in vecchie e nuove opere di Jooss e lo supporta creando nuove coreografie. Sviluppa lavori come Fragment o Im Wind der Zeit, per il quale vincerà il Primo Premio al Concorso Coreografico di Colonia nel 1969. 

Quando Kurt Jooss si ritira dalla vita lavorativa nel 1968, Pina Bausch diviene direttrice del Folkwang Ballett. Vi rimarrà fino al 1973, quando le sarà offerta la direzione del teatro e della compagnia di danza di Wuppertal. Quella che sarà chiamata Tanztheater Wuppertal. Tanztheater ovvero teatrodanza.

Qui Pina Bausch sviluppa due grandi opere di Gluck: Ifigenia in Tauride del 1974 e Orfeo e Euridice dell’anno successivo. Ma sarà Le Sacre du printemps del 1975 con musiche di Igor Stravinsky a diventare una pietra miliare del suo lavoro. Nel 1983, Pina Bausch riprenderà la direzione artistica del Folkwang Tanzstudio e, dal 1999 al 2008, lo dirigerà insieme ad Henrietta Horn.

La reazione del pubblico al Tanztheater

La metropolitana di Wuppertal è la Schwebebahn: una ferrovia sospesa costruita nel 1901, la più antica del mondo nel suo genere. A parte questa caratteristica niente fa intuire che Wuppertal possa diventare il centro della danza contemporanea. Ma “non c’è sempre bisogno di stare al centro del mondo per fare cose nuove. Il centro del mondo è dove vuoi che sia.”

Film Pina Bausch
Dal film Pina3D di Wim Wenders

È molto meglio lasciarsi guidare dall’istinto lungo le strade di cui non si vede il punto d’arrivo. Provare, e vedere che cosa succede, e come.

Pina Bausch

Il pubblico non è preparato agli spettacoli che propone Pina Bausch. E in verità nemmeno i danzatori sono abituati a così tanta introspezione. Pina non vuole provocare, ma portare in scena corpi veri. Carichi, felici, spaventati, ansiosi, schiacciati. Chiede di trasformare i sentimenti e i ricordi in movimento. Perché la lingua della danza è il movimento, e non c’è bisogno di tradurla. Quello che c’è nelle coreografie di Pina è molto semplice e molto complicato allo stesso tempo. Per i danzatori lavorare con lei vuol dire scavarsi dentro e quindi soffrire. Per cercare di esprimere attraverso il corpo la parte di sé più vera e sincera.

Il teatro di Pina non è un teatro che vuole insegnare, ma che vuole creare un’esperienza insieme allo spettatore. Che offre l’opportunità di capirsi e  riconciliarsi con la vita. Il Tanztheater Wuppertal rappresenta prima di tutto le persone e non conosce confini.

Registi e film

Registi come Federico Fellini in E la nave va del 1983 e Pedro Almodóvar in Parla con lei del 2002 lavorano con Pina Bausch.

Il regista tedesco Wim Wenders nel 1985 vede per la prima volta lo spettacolo Café Müller. Ne rimane così affascinato che decide di conoscere meglio l’artista e nel 2008 inizia a filmare i suoi spettacoli per farne una pellicola in 3D. Anche se Pina Bausch scompare all’improvviso il 30 giugno 2009 a 68 anni, il film Pina 3D esce nelle sale cinematografiche nel 2011. Le scene mescolano frammenti di coreografie ai racconti dei sentimenti dei danzatori. I quali continuano a lavorare per portare avanti il suo Tanztheater.

Il film, candidato ai Premi Oscar e ai BAFTA, vince un European Film Awards.

Alla morte di Pina le redini del Tanztheater sono state prese da Dominique Mercy, danzatore storico del gruppo e da Robert Sturm, assistente della Bausch per un decennio. Mentre Rolf Salomon Kay, il figlio di Pina e del suo compagno Ronald Kay, ha creato una Fondazione che si occupa dei materiali e di diritti di Pina Bausch.

scena film
Scena del film Pina3D

Per saperne di più:

Noi siamo libri aperti: solo che non esiste una scienza delle cose più semplici del mondo. Pina era una scienziata, una ricercatrice, una pioniera dei territori non mappati dell’anima umana.

Wim Wenders

In copertina: Copertina del libro, Quello che ci muove – Una storia di Pina Bausch, rueBallu

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leggi anche

Post correlati

Ruth Saint Denis

Ruth Saint Denis e la prima scuola di danza moderna

Fondatrice della Denishawn, prima scuola di danza moderna con compagnia annessa, Ruth St. Denis insieme al suo partner, Ted Shawn, sviluppò una pedagogia ben definita che avrebbe aperto la strada alle metodologie successive.

Maurice Béjart

Maurice Béjart e l’evoluzione del classico

Maurice Béjart fu una figura centrale e rivoluzionaria del secondo Novecento. Dalla coreografia alla didattica, il suo amore per la danza ha dato vita a visioni innovative e a nuove generazioni di danzatori.

Copertina film

Rudolf Nureyev: un talento ribelle

Rudolf Nureyev, uno dei più grandi ballerini del XX secolo, conquistò il mondo della danza con talento e personalità. Dipinto come un ribelle, un tartaro scostante con la stampa e con la gente, era in realtà un uomo intelligente e curioso, sicuro della sua arte.

foto Galina Ulanova

Galina Ulanova tra passato e attualità

Galina Ulanova fu una delle danzatrici sovietiche più importanti del XX secolo. Ballerina drammatica e dalle grandi capacità mimiche, riuscì ad affascinare il mondo russo e occidentale, intrecciando l’emozione del gesto alla tecnica del movimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.